CONVEGNO POLARIS 05 Ottobre ore 17.00 CASTELLO DI MASINO (To)

Salone Marchesa Vittoria nel palazzo Carrozze al Castello di Masino

CONVEGNO POLARIS

L’ Anfiteatro morenico, la costellazione di Auriga e il mito del volo

05 Ottobre 2012    ore 17.00

PROGRAMMA

Saluto del Sindaco di Cossano Canavese Giovanni GIANOTTI, del Sindaco di Caravino Antonio BOCCHIETTI e del Sindaco di Settimo Rottaro Massimo OTTOGALLI. Introduce Alberto AVETTA, Consigliere del Comune di Cossano e Assessore della Provincia di Torino

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI CULTURA ASTRONOMICA DELL’ ACCADEMIA DI BRERA PER LA PROGETTAZIONE DI OPERE D’ARTE NEL TERRITORIO DEL CANAVESE:
– Alessandra ANGELINI, docente dell’Accademia di Brera
– Filippo DE FILIPPI, coordinatore Triennio Design dell’Accademia di Brera
– Fortunato D’AMICO, responsabile progetto POLARIS

DEPRODUCERS presentano PLANETARIO – Musica per conferenze spaziali:
– Fabio PERI, direttore del Planetario di Milano
– Vittorio COSMA, musicista internazionale e produttore musicale
 
ANTICHE SCIENZE E SIMBOLOGIE ARCAICHE:
– Angelo BODO, esperto di radiestesia
– Renucio BOSCOLO, simbologie e filosofie dell’arte e dell’astronomia

LE STELLE E LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO E AMBIENTALE:
– Fortunato D’AMICO, responsabile progetto POLARIS
– Maria Adriana GIUSTI Burbatti, professore ordinario di Restauro Politecnico di Torino

L’area dei contributi culturali e scientifici, legati alle attività espresse in questi anni dal Team di POLARIS, quest’anno amplia la sua portata, coinvolgendo nelle ricerche le strutture formative, di divulgazione e gli apparati universitari idonei alla promozione del progetto, presenti nel nostro Paese.
L’Accademia di Belle Arti di Brera ha infatti condiviso la necessità di apportare contenuti scientifici e metodologici per la valorizzazione delle tematiche astronomiche che nei secoli hanno caratterizzato la formazione del tessuto storico e culturale del territorio dell’Anfiteatro Morenico d’Ivrea.
Con questo obiettivo è stata implementata una logica di intervento che prevede l’installazione di opere artistiche da collocare lungo i percorsi di Polaris, per la promozione di un itinerario d’Arte Contemporanea “Open Air”, come già previsto dall’iniziativa Anfiteatro dell’Arte, promossa dal Comune di Cossano Canavese.
L’Ateneo, fondato a Milano nel settecento, sicuramente il più rinomato in Italia e il più conosciuto all’estero, ha infatti deciso d’inserire, durante l’anno accademico 2012/2013, all’interno del corso di Grafica e Tecniche dell’Incisione di Alessandra Angelini,  il  workshop FILOSOFIA DELLE STELLE.
Il laboratorio artistico, produrrà le nuove opere progettate per arricchire i percorsi di Arte Contemporanea, concepiti in chiave archeo-astronomica, fra castelli, fortificazioni, rocche, sentieri, vigneti e frutteti del Canavese. Sono previsti diversi incontri conoscitivi sul territorio che saranno coordinati dall’architetto Fortunato D’Amico e dall’artista Cristina Cary.
Il workshop FILOSOFIA DELLE STELLE, prevede la realizzazione di una serie di 10 opere artistiche, create dai giovani allievi dell’Accademia di Belle Arti di Brera che saranno impegnati in escursioni esplorative e di studio prima di accingersi a progettare opere “site specific”, conformi alla cultura astronomica dichiarata nel programma di lavoro.
Gli studenti saranno coinvolti nel territorio anche attraverso le visite ai laboratori
degli artigiani e dei fornitori di materiali caratteristici della nostra zona, che hanno aderito all’iniziativa workshop FILOSOFIA DELLE STELLE, portando il loro contributo tecnico alla progettazione e realizzazione dell’opera stessa.
Le attività saranno organizzate e realizzate in collaborazione con il Comune di Cossano Canavese, il Comune di Caravino ed il Comune di Settimo Rottaro (partners istituzionali del Progetto POLARIS) e  con il sostegno della Regione Piemonte e della Fondazione CRT.

Cielo vs Terra/Terra vs Cielo
Dal cielo alla terra, dalla cultura immateriale alla conoscenza delle tracce materiali, per far emergere l’inespresso mosaico paesaggistico di un territorio di straordinari valori e  potenzialità, come l’Anfiteatro Morenico di Ivrea. Su questi temi si sviluppa una ricerca che ha anche momenti formativi, perché si alimenta negli atelier di restauro urbano e paesaggistico del Politecnico di Torino, curato da Maria Adriana Giusti Burbatti.
L’obiettivo è approfondire la conoscenza di un sistema complesso e delle sue trasformazioni, attraverso un progetto multidisciplinare che sia compatibile con i molteplici valori del bene, sostenibile e condiviso da parte delle comunità locali. La scala paesaggistica è assunta qui come dialogo critico con le condizioni materiali ed empiriche delle preesistenze (luogo, contesto, manufatti storici, concentrati e diffusi, giardini, parchi, paesaggio, nuove funzioni, sostenibilità sociale, economica, ambientale) e quelle immateriali che riguardano  non solo la storia e i significati che i beni hanno assunto, ma anche i valori culturali che questi possono assumere attraverso la comunicazione e la promozione del progetto stesso.
Anche il Liceo Statale Artistico Felice Faccio di Castellamonte, nell’anno scolastico 2012/2013, collaborerà nell’ambito del Progetto POLARIS L’ANFITEATRO DELL’ARTE attraverso la progettazione e la creazione di cinque nuovi pannelli in ceramica, da collocare all’interno del MAAP (Museo all’Aperto Arte e Poesia)  “Giulia Avetta”, al fine di  rendere ancora più forte il legame tra Arte e Poesia.
Un altro contributo fondamentale per la crescita della cultura di POLARIS viene dall’iniziativa “Planetario”, un progetto di “musica per conferenze spaziali” in cui è stata coinvolta anche l’Agenzia Spaziale Europea (ESA).
“Planetario” è un connubio tra musica, arte e scienza senza precedenti, nato dall’incontro dei Deproducers, gruppo di lavoro, di cui fanno parte i musicisti-produttori Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Riccardo Sinigallia, Max Casacci, con Fabio Peri, direttore scientifico del Planetario di Milano, per questa occasione anche frontman e  voce narrante della performance-concerto.  “Planetario” illustrerà le meraviglie del cosmo e il mistero della sua nascita, esplorando mondi lontani e viaggiando nello spazio mitologico delle costellazioni.
L’astronomia è stata per secoli la scienza che ha influenzato la cultura dell’uomo nella costruzione del territorio, nella filosofia, nell’arte, nell’alimentazione, nell’agricoltura e nelle narrazioni mitologiche. Attraverso la Filosofia delle Stelle, il progetto POLARIS intende innescare un vero e proprio processo culturale, che stimoli il rilancio del Canavese e del suo paesaggio.
Un risanamento dell’area attraverso un’economia etica, quella dell’Arte, che ci porta ad occuparci della natura, dei boschi, dei sentieri, fiumi e laghi, di dissesti idrogeologici, di formazione e occupazione sul territorio. Con questi presupposti la pianificazione territoriale assume un ruolo molto importante. In questa visione sconfinante fra città, periferia, paesaggio, paese, nazione ed extra nazione, l’arte contemporanea, come insegna l’Europa, ha un ruolo strategico nello sviluppo e valorizzazione di contesti agresti, naturalistici e architettonici.
L’Archeo-astronomia, l’Arte, oltre all’Architettura e al Design, possono rappresentare chiavi di lettura innovative e inusuali, passepartout per riscoprire le radici della conoscenza e della cultura che ha consentito la trasformazione del territorio nel passato, anche recente, e che dovrà diventare  uno straordinario strumenti per lo sviluppo del presente e del futuro.
La filosofia e la pratica delle antiche scienze, le interpretazione delle simbologie dell’arte secondo canoni di cui non abbiamo più dimestichezza, proposti da Angelo Bodo e Renucio Boscolo, sono argomenti necessari per la comprensione delle eredità storiche lasciateci dai nostri antenati.  Il turismo culturale, come insegnano le più importanti esperienze internazionali di siti archeologici, deve stimolare la curiosità dei visitatori per favorire un loro avvicinamento ai siti d’interesse culturale.
Infine il coinvolgimento della The United Euro Bridge, associazione inglese senza fini di lucro nata per aiutare giovani di talento a realizzare le proprie aspirazioni promuovendo esperienze di lavoro in Europa, ha permesso di attivare  uno stage lavorativo per giovani laureati a supporto dell’organizzazione.

http://www.polarisproject.eu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...