MARCO MARIA ZANIN. Abitare l’Anima

Marco_Zanin_Abitare_l_anima

Dalla nebbia della campagna padovana ai grattacieli di San Paolo del Brasile: un viaggio nello spazio e nell’anima attraverso dodici grandi immagini realizzate da Marco Maria Zanin, giovane fotografo padovano, raccolte in Abitare l’anima, mostra che inaugura sabato 1 febbraio alle 18 agli Spazi Bomben di via Cornarotta a Treviso, e che sarà aperta fino al 23 febbraio

L’esposizione fotografica di Marco Maria Zanin, documenta i movimenti dell’anima, la sua capacità di rapportarsi al genius loci dello spazio architettonico e della natura, riconoscendo nel primato della loro integrazione un mezzo reale per indurre riflessioni mirate a migliorare la sfera spirituale, artistica e il benessere delle persone, oggi alienato dalle filosofie consumiste che hanno insidiato i territori occidentali.

Dietro le apparenze delle architetture pauliste, i luoghi silenziosi della campagna padana, si nascondono le anime di chi le abita, il cuore che batte a segnare il ritmo della vita, i corpi occultati dagli ambienti rappresentati in primo piano, ma che in realtà sono una presenza invisibile, al di qua e di là della fotografia.

Il movimento interiore che si agita dentro di noi, ogni volta che esaminiamo le immagini di questa personale di Marco Maria Zanin selezionate insieme al curatore Fortunato D’Amico, include il segreto per accedere alle verità del racconto: un’esperienza indefinibile, che già altri poeti, filosofi, scrittori, musicisti, hanno provato a narrare utilizzando il linguaggio della loro arte.

“Il cielo di San Paolo si apre agli occhi e alla camera fotografica di Marco Maria Zanin, svelando la città dall’alto, con le sue architetture e il desiderio di spiccare il volo per conquistare la libertà, lasciando la materia cadere al destino del suo peso. Il cielo della pianura padovana non si vede; forse perché siamo sprofondati e ci muoviamo dentro le nuvole abbassate fino a toccare terra, nebbie che impediscono qualsiasi visione dell’orizzonte, ma innalzano i profili leggeri ed evanescenti catturati dalla bianca morbidezza della bruma, nell’olimpo degli esseri superiori.”

Il confronto di luoghi cosi distanti, fisicamente e culturalmente opposti, è un esercizio artistico particolare elaborato come concetto critico di una mostra che espone fotografie rubate all’oblio della memoria da angoli estremi della superficie planetaria.

 

Interverranno alla presentazione:

1. Marcella Gabbiani, responsabile del Premio Dedalo Minosse organizzato da ALA Assoarchitetti

2. Fortunato D’Amico, curatore della mostra

3. Marco Maria Zanin, fotografo

 

DOWNLOAD COMUNICATO STAMPA

Spazi Bomben, Fondazione Benetton Studi Ricerche

via Cornarotta 7, 31100 Treviso, tel. 0422.5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it

Orari apertura: martedì-venerdì, 15-20; sabato e domenica, 10-20

Per informazioni: info@sopramaresotto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...