ROBERTO ROSSO. La dinamica della fotografia

roberto rosso_spaziob

Roberto Rosso pratica la fotografia da diversi decenni. La sua attività di fotografo è orientata allo studio attento dei soggetti da riprendere, alla chiarezza dei linguaggi espressivi , alla rappresentazione dei dettagli selezionati per un’appropriata comunicazione dei contenuti, alle tecniche di ripresa innovative che consentono di osservare da punti di vista inconsueti gli oggetti che abitualmente circondano la nostra quotidianità. Oltre alla professione sul campo Roberto Rosso insegna fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera, in cui è anche Direttore della Scuola di Nuove Tecnologie per l’Arte.
Uno dei leitmotiv che hanno affiancato la sua ricerca e alimentato la curiosità e la passione, stimolando esperienze pratiche effettivamente originali, è l’indagine sul pensiero di Aristotele che dichiarava: “Il tempo è il numero del moto secondo il prima ed il poi”. Roberto Rosso medita sul Tempo ed elabora occasioni per dare volto alle speculazioni suggerite dal filosofo e scienziato greco, costruendo alcune apparecchiature particolari per assolvere le necessità di sperimentare le intuizioni nate da questi concetti e fatte proprie. Congegna una piattaforma girevole, dal movimento fluido e variabile, quindi un dorso a scansione e il banco ottico. Ed ecco realizzato un campo empirico in cui il punto di ripresa, là dove è collocata la macchina fotografica, diventa luogo per dare corpo visivo alle congetture spazio temporali. Sistemato il pezzo da fotografare, la fotocamera inizia a scansionarlo, seguendo un percorso in parallelo, oppure verticale rispetto all’orizzonte dell’oggetto. L’inquadratura, a seconda delle esigenze, può assumere diverse angolature, aumentando le possibilità del ricercatore di esaminare la realtà, permettendogli di variare i parametri di osservazione. Scorrevoli e costanti le movenze del sensore e del contenuto seguono le curve, geometricamente perfette, che il processo traccia nel suo percorso. Il sistema programmato da Roberto Rosso consente l’inversione di marcia, con l’unica condizione di rimanere nel range del tempo di esposizione. Pertanto, ogni possibilità di esplorazione è distinta e organizzata per costruire letture e significati diversi, conoscendo le modalità di generazione delle nuove icone. Le immagini sono in realtà il risultato di una sola fotografia, ottenuta da un determinato elemento in movimento di cui è stato registrato il rapporto spazio-temporale. Questo è possibile perché coesistono due tempi distinti, di esposizione e scansione, che si annullano tra di loro generando un spostamento del soggetto analogo a quello del sensore. Una soluzione che rielabora in maniera straordinaria la condizione dichiarata da Aristotele e provoca, grazie alla fotografia, la nascita apparente di un nuovo prodotto virtuale.
La creazione artistica di Roberto Rosso, svela una verità che noi non riusciamo a vedere attraverso l’apparato percettivo, ma che effettivamente esiste quando riusciamo ad annullare il rapporto spazio – tempo.


Roberto Rosso nasce a Varallo Sesia il 23 aprile 1956.
La formazione culturale, dopo il conseguimento della maturità al Liceo Artistico, prosegue con gli studi di Architettura, realizzati presso il Politecnico di Milano, integrati a quelli di Scenografia, disciplina con cui otterrà il diploma all’Accademia di Belle Arti A.C.M.E di Novara, città dove risiede e svolge parte della sua professione. L’attività di fotografo lo impegna in ambito culturale, in particolare nella riproduzione di
Beni Artistici, collaborando con le Soprintendenze, i Restauratori, le Case Editrici, tra le quali l’Istituto Geografico De Agostini, per il quale ha eseguito diversi reportage di Architettura e di Geografia.Contemporaneamente sviluppa il lavoro nel campo della pubblicità, partecipando a
 numerose campagne di comunicazione pianificate da diversi gruppi industriali di rilievo internazionale, del settore editoria, moda, design. Espone i suoi lavori di fotografia in diverse mostre d’arte contemporanea. Un approfondito studio della scansione digitale e la conoscenza dei programmi di manipolazione delle immagini, gli consentono di operare nel settore del restauro virtuale, ottenendo ampi riconoscimenti e risultati di singolare interesse. Estende la sua ricerca orientandosi verso le tecnologie dell’infrarosso ad alta definizione (IR), condividendo l’esperienza con restauratori di riconosciuta fama nazionale.Affascinato dalla dinamica del movimento, indaga la relazione spazio-tempo, escogitando meccanismi e tecniche d’innovazione nella formulazione di nuovi contenuti ed estetiche delle forme riprese. L’interesse per il rapporto tra musica e immagine, lo spinge a estendere le sue ricerche intorno allo spazio tridimensionale, ampliando gli studi sulla scenografia nell’intento di elaborare l’allestimento innovativo di un futuro teatro multimediale. Già docente di fotografia per l’arte all’Accademia ACME di Novara, attualmente è ordinario di fotografia all’Accademia Di Belle Arti di Brera a Milano e Direttore della Scuola di Nuove Tecnologie per l’Arte presso presso l’ Accademia di Belle Arti di Brera.

http://www.lafotografiadigitalenonesiste.it

DOWNLOAD comunicato_stampa_roberto rosso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...